Regolamento

Clicca qui per scaricare il Regolamento

REGOLAMENTO FIDAPA BPW ITALY
COSTITUZIONE E SEDE (TITOLO I STATUTO)

Art. 1 ( Art. 1 )Statuto
Costituzione delle Sezioni
Una Sezione della FIDAPABPW Italy puÚ essere costituita quando vi siano
almeno 15 aspiranti Socie, residenti o domiciliate nello stesso Comune o in
Comuni limitrofi ove non sia presente una Sezione; la costituzione puÚ
avvenire anche su iniziativa di una o pi˘ Socie di altra Sezione che diventa
la Sezione Madrina. Nei Comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti, previa
autorizzazione del Comitato di Presidenza Nazionale, possono essere costituite pi˘ Sezioni, ognuna distinta da un proprio appellativo, con criteri di suddivisione geografica del territorio; la costituzione avviene su presentazione della proposta da parte del Comitato di Presidenza Distrettuale al CPN, vista la richiesta delle aspiranti Socie o Socie di uníaltra Sezione
esistente nello stesso Comune e acquisito il parere non vincolante del CPS
della/e Sezione/i gi‡ esistente/ i sul territorio: anche in questo caso il numero
minimo previsto Ë di 15 aspiranti nuove Socie. Le Sezioni che hanno sede nello stesso Comune sono tenute ad effettuare
insieme almeno una riunione dei Comitati di Presidenza di Sezione all’inizio
dell’anno sociale, per un’opportuna intesa nella programmazione delle
attivit‡. Per una proficua attivit‡, concertata a favore dellíimmagine della FIDAPA
BPW Italy le Sezioni di cui al comma 3 possono, altresÏ, effettuare insieme: – la Cerimonia delle Candele;
– almeno una delle manifestazioni pubbliche in programma. Líanno sociale di una Sezione costituita dopo il 31 gennaio inizia il 1°
ottobre dellíanno in corso; fino a tale data le Sezioni sono esentate dal
versamento dei contributi associativi alla Cassa Nazionale e le Socie non
hanno diritto di voto. La costituzione di una Sezione viene ratificata, previo accertamento dei
requisiti, dal Comitato di Presidenza Nazionale con effetto dalla data del
verbale di costituzione della Sezione stessa, firmato dalla Presidente
Distrettuale o da una sua rappresentante; la mancata ratifica entro novanta
giorni dalla richiesta presentata dalla Presidente Distrettuale – equivale a
diniego alla costituzione medesima. Alla prima ìCerimonia delle Candeleî le Sezioni di nuova costituzione
ricevono la Carta di Costituzione dalla Presidente Nazionale o da una sua
delegata. LE SOCIE (TITOLO III STATUTO)

ART. 2 (Art. 4 Statuto)
Commissioni – Gruppi di Lavoro
Le Socie della FIDAPA BPW Italy possono essere raggruppate in
Commissioni Nazionali. a) Commissioni Nazionali
Le Commissioni Nazionali, ad eccezione della Commissione Legislazione, unica commissione permanente, sono gruppi di studio temporaneamente e
facoltativamente istituiti allo scopo di svolgere particolari temi o attivit‡
programmate dai competenti organi della Federazione; esse collaborano con
gli Organi della Federazione per un migliore svolgimento dei temi e delle
attivit‡ della Federazione Nazionale e Internazionale; le Responsabili
nazionali di tali Commissioni sono nominate, dal Consiglio Nazionale, su
proposta dei Consigli Distrettuali, dopo avere valutato le competenze
professionali risultanti dai Curricula documentati . Líunica Commissione Nazionale permanente Ë la Commissione Legislazione. Le Componenti di ogni Commissione nazionale, una per Distretto, sono
nominate dal Consiglio del Distretto di appartenenza, in base alle competenze
professionali risultanti dai Curricula documentati.
Le Commissioni si riuniscono una volta all’anno per líopportuna
programmazione dellíattivit‡ e tutte le volte che la Responsabile Nazionale lo
ritenga opportuno. Il mandato puÚ avere durata biennale e non Ë ammessa una nuova nomina
nella medesima carica. Le Responsabili Nazionali di Commissione devono trasmettere una relazione
annuale alla Segretaria Nazionale e comunicare in sede di Convegni e
Congressi i risultati della loro attivit‡. L’organizzazione ed il finanziamento delle manifestazioni proposte dalle
Commissioni e approvate dal CN, sono a carico del Distretto o della Sezione
ospitante; il relativo rendiconto, in cui dovranno essere indicati i contributi e
le sponsorizzazioni, deve essere redatto dalla Sezione organizzatrice o dal
Distretto organizzatore e deve essere inviato rispettivamente o alla Tesoriera
Distrettuale o alla Tesoriera Nazionale
Le Referenti di Sezione delle Commissioni Nazionali vengono nominate dal
Consiglio di Sezione, preferibilmente fra le Consigliere elette dall’Assemblea
di Sezione; curano l’approfondimento degli argomenti trattati dalle
Commissioni Nazionali, le tematiche nazionali ed internazionali e si
avvalgono della collaborazione di gruppi di Socie
b) Comitati ad hoc e gruppi di lavoro. Possono essere istituiti e nominati dal CN, dal CD e dal CS Comitati ad hoc e
Gruppi di lavoro, per svolgere compiti particolari con scadenza prefissata non
superiore a due anni; tutte le disposizioni previste per le Commissioni dal
presente Regolamento sono applicabili, ove compatibili, ai Comitati ad hoc e
Gruppi di lavoro. c) Giurie di Concorsi e Rassegne nazionali
I Concorsi e le Rassegne nazionali devono essere preventivamente
autorizzate dal Consiglio Nazionale. Le Giurie dei Concorsi e delle Rassegne nazionali sono costituite da Socie e, ove ritenuto opportuno, da persone esperte nello specifico settore, che non
abbiano rapporti di parentela con le persone partecipanti; la Presidente
Nazionale e la Responsabile nazionale della Commissione competente, se
istituita, fanno parte di diritto di tali giurie. La stessa procedura deve essere adottata per le Giurie dei Concorsi e delle
Rassegne distrettuali; in tali casi, la Presidente Distrettuale e la Componente
distrettuale della Commissione competente, se istituita, fanno parte di diritto
di tali Giurie. La stessa procedura deve essere adottata per le Giurie dei Concorsi e delle
Rassegne di Sezione; in tali casi, la Presidente di Sezione e la Referente di
Sezione della Commissione competente, se istituita, fanno parte di diritto di
tali giurie.

ART. 3 (Art. 5 Statuto)
Socie Onorarie
Le Socie onorarie, per tutti gli anni di permanenza nella Sezione di
appartenenza, hanno tutti i diritti e i doveri delle altre Socie ad eccezione del
pagamento delle quote associative, fermo restando l’obbligo, a carico della
Sezione, del versamento del contributo alla Cassa Nazionale. Perdono tale qualit‡, le Socie onorarie che sono state sottoposte ad una
sanzione disciplinare.

ART. 4 (Art. 6 Statuto)
Ammissione e dimissione delle Socie. Le Socie che intendono proporre l’ammissione di una nuova Socia devono presentare richiesta scritta al Comitato di Presidenza di Sezione su un
apposito modello predisposto dalla Segretaria nazionale contenente i dati
anagrafici dell’aspirante Socia e un curriculum vitae; la Socia ammessa con
delibera del CPS compila e sottoscrive il medesimo modello unitamente al
consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs 196/03 sulla
privacy e alla dichiarazione di accettazione dello Statuto e del Regolamento;
tali documenti devono essere conservati nell’archivio della Sezione. Le Socie presentatrici sono garanti dell’idoneit‡ associativa e delle qualit‡ morali dellíaspirante Socia, secondo i requisiti indicati nell’art. 4 dello Statuto. Le Socie devono essere informate della proposta di ammissione delle nuoveSocie, attraverso l’ordine del giorno della riunione successiva all’ammissione
da parte del Comitato di Presidenza di Sezione. La presentazione ufficiale delle nuove Socie coincide, preferibilmente, con la
prima Cerimonia delle Candele. Le nuove Socie allíatto dellíammissione saranno iscritte nel Registro
cronologico delle Socie della Sezione; ai fini del decorso dellíanzianit‡ di
iscrizione alla Federazione, il termine decorre dalla data della delibera di
ammissione del Comitato di Presidenza di Sezione . La Socia ha l’obbligo di pagare la quota associativa alla Sezione entro il 31
dicembre di ciascun anno; oltre la data del 31 dicembre, la Socia Ë tenuta a
versare i diritti di mora nella misura stabilita dal CPN; la Socia, per potere
esercitare líelettorato attivo e passivo, deve essere in regola con il versamento
della quota associativa agli effetti dei contributi alla cassa nazionale alla data
del 31 gennaio. Eí considerata dimissionaria la Socia che non provveda al pagamento della
quota associativa e dei diritti di mora entro il 31 marzo con conseguente
delibera di decadenza assunta dal Comitato di Presidenza di Sezione, da
comunicare allíinteressata entro 30 giorni. Eí considerata automaticamente decaduta la socia che nel giudizio, avanti la
competente autorit‡ giudiziaria, contro la Federazione, abbia riportato
sentenza di condanna definitiva. Il Comitato di Presidenza di Sezione comunica la decadenza allíinteressata. La Socia che intende dimettersi deve darne avviso scritto al Comitato di
Presidenza della Sezione di appartenenza entro il 31 dicembre dell’anno
sociale in corso, trascorso il quale termine, Ë tenuta al pagamento della quota
associativa, salvo quanto previsto dal precedente comma 8; a seguito delle
dimissioni, il Comitato di Presidenza di Sezione, trascorsi i trenta giorni
previsti dal successivo comma 11, delibera la decadenza della Socia, con
conseguente cancellazione dall’elenco delle Socie. Le dimissioni possono essere ritirate dalla Socia entro trenta giorni dalla loro
presentazione e per una sola volta. La Socia che chieda di essere riammessa deve seguire la procedura di
ammissione prevista per le nuove Socie; non possono essere riammesse le
Socie espulse dall’Associazione. La Socia che intenda trasferirsi ad altra Sezione deve informare il Comitato
di Presidenza della Sezione di appartenenza e chiedere il consenso scritto alla
Sezione ove intenda trasferirsi; la Socia che si trasferisce non perde
líanzianit‡ di iscrizione alla Federazione . La Presidente della Sezione di provenienza deve dichiarare che la Socia Ë in
regola con la corresponsione della quota associativa e che non le Ë stata
comminata alcuna sanzione disciplinare. ORGANI DELLA FEDERAZIONE (TITOLO IV STATUTO)

ART. 5 ( Art. 7 – 8 – 11 Statuto)
Organi della Federazione- Organi nazionali
a) La Presidente Nazionale rappresenta la Federazione, ha la firma sociale, autorizza la Tesoriera per spese fino ad Ä 2.500,00 annui; svolge tutte le
funzioni e i compiti attribuiti dallo Statuto ed Ë consegnataria di tutti gli atti
della Federazione.
. Cura i rapporti con la BPW International e con le Istituzioni pubbliche.
. Tutela líosservanza delle norme dello Statuto e del Regolamento
. b) La Vice Presidente Nazionale cura e coordina lo svolgimento del
Tema nazionale, collabora con la Presidente Nazionale nelle attivit‡ che
le sono proprie e la sostituisce nei casi di cui al successivo art. 6.
. c) La Segretaria Nazionale:
* trasmette alle Sezioni le comunicazioni che riguardano i
programmi e le attivit‡ della 
Federazione Nazionale ed
Internazionale;
* comunica gli ordini del giorno delle Assemblee e dei Convegni
nazionali;
* redige i verbali delle riunioni del Comitato di Presidenza, del
Consiglio e dell’Assemblea 
Nazionale ;
* aggiorna gli schedari relativi ai quadri direttivi Nazionali, Distrettuali e delle Sezioni;
* tiene costantemente aggiornato l’elenco delle Socie;
* tiene in ordine cronologico, la raccolta delle Circolari Nazionali e
delle linee guida europee 
ed internazionali. d) La Tesoriera Nazionale
* provvede alle spese, previa autorizzazione della Presidente
Nazionale fino ad Ä 2.500,00 annui e del Comitato di Presidenza
Nazionale oltre tale limite;
* prepara i bilanci della Federazione, ne riferisce al Comitato di
Presidenza Nazionale, che provvede alla redazione definitiva, li
sottopone al visto del Collegio dei Revisori dei Conti, prima della
presentazione allíAssemblea Nazionale per la successiva approvazione;
* Ë diretta responsabile della Cassa della Federazione;
* tiene i rapporti con le Tesoriere Distrettuali dalle quali riceve i
rendiconti consuntivi e i 
bilanci preventivi approvati dalle rispettive
Assemblee e vistati dai Revisori dei 
Conti;
* cura l’adeguamento delle operazioni contabili alla normativa
fiscale vigente. e) La Past Presidente Nazionale
* esprime la continuit‡ dellíAssociazione e conserva per tutto il periodo
di permanenza nella FIDAPA BPW Italy il titolo di Past Presidente
* cura e coordina l’attivit‡ di proselitismo e collabora con la
Presidente Nazionale nei rapporti con le Autorit‡ e Istituzioni Nazionali
ed Internazionali;
* cura, altresÏ, lo svolgimento del tema internazionale. f) Il Consiglio Nazionale
Le Presidenti Distrettuali, facenti parte del Consiglio Nazionale, oltre alle
competenze statutarie:
* riferiscono sull’attivit‡ dei Distretti al fine di elaborarne la
programmazione in maniera 
coordinata;
* propongono le Responsabili Nazionali delle Commissioni, dei
Comitati e dei Gruppi di 
lavoro, in rappresentanza del proprio
Distretto;
* assicurano i collegamenti e le informazioni tra il Comitato di
Presidenza Nazionale e le 
Sezioni del proprio Distretto. Il Consiglio Nazionale ha competenza esclusiva in materia di nomine e
designazioni anche presso enti esterni nazionali ed internazionali.

ART. 6 (Art. 8 Statuto )
Sostituzioni
Nel caso di assenza o impedimento temporaneo la Presidente Nazionale
puÚ farsi sostituire dalla Vice Presidente Nazionale, previa delega alla firma
degli atti. Nel caso di dimissioni o impedimento permanente:
* la Presidente Nazionale Ë sostituita dalla Vice Presidente la quale
svolge, per tutto il periodo 
della sostituzione, tutte le funzioni e i
compiti della Presidente;
* la Vice Presidente, la Segretaria e la Tesoriera nazionali sono
sostituite da una delle componenti 
del Comitato di Presidenza scelta
con delibera del Comitato stesso e ricoprono la carica ad interim fino
alla scadenza del mandato;
* le Presidenti Distrettuali, facenti parte del Consiglio Nazionale, sono sostituite dalle Vice 
Presidenti distrettuali del proprio Distretto le
quali svolgono, per tutto il periodo della sostituzione, tutte le funzioni e
i compiti della Presidente. Le Sostitute ricoprono la carica ad interim fino allo scadere del mandato;
alla scadenza, possono candidarsi per la medesima carica solo se líinterim
Ë iniziato nel secondo anno del mandato in quanto in tal caso l’interim non
costituisce anzianit‡. 
Nel caso di dimissioni di tre o pi˘ componenti del Comitato di Presidenza
Nazionale si procede a nuove elezioni, limitatamente alle cariche rimaste
scoperte, al fine di garantire l’attivit‡ della Federazione. Qualora le dimissioni e le conseguenti elezioni di cui al comma 4
avvengano nel secondo anno del mandato, vale per le elette la regola
dellíinterim di cui allíarticolo 6 comma 3. 
Allíinterno dei Comitati di Presidenza, nessuna componente puÚ rivestire
pi˘ di una carica ad interim. Nel caso di dimissioni delle elette, prima dell’inizio del biennio, si procede a
nuove elezioni limitatamente alle cariche rimaste scoperte. 
In caso di dimissioni o impedimento permanente di una o pi˘ componenti, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio delle Garanti, le stesse
vengono sostituite mediante apposite elezioni. Qualora le dimissioni e le conseguenti elezioni di cui al comma 8
avvengano nel secondo anno di mandato, vale per le elette la regola
dellíinterim di cui allíarticolo 6 comma 3. Le disposizioni dei commi precedenti si applicano anche agli Organi
Distrettuali e di Sezione.

ART. 7 (Art. 11 Statuto)
Convocazione e Auto- convocazione del Consiglio Nazionale
La partecipazione alle riunioni ordinarie e straordinarie del Consiglio
Nazionale deve essere personale; la Presidente Distrettuale, in caso di
impedimento, Ë sostituita dalla Vice Presidente Distrettuale ed in caso di
impedimento, debitamente motivato, di questí ultima, da altra componente
del Comitato di Presidenza Distrettuale. Ai fini dellíassunzione di una delibera urgente, la Presidente Nazionale puÚ
acquisire il voto delle componenti del CN via e mail o PEC, con ratifica alla
prima riunione utile. 
 La richiesta di auto-convocazione straordinaria del Consiglio
Nazionale, firmata da almeno il 50% delle componenti, deve essere inviata
alla Presidente Nazionale e deve contenere l’ordine del giorno e il motivo
della convocazione; la Presidente Nazionale, entro 10 giorni dalla richiesta, deve fissare la data della riunione. Le presenti disposizioni valgono anche per l’auto-convocazione
straordinaria del Consiglio Distrettuale e di Sezione. In tutti i casi le Presidenti Distrettuali inviano al proprio Consiglio, anche via
mail, líordine del giorno del Consiglio Nazionale per eventuali indicazioni .

ART. 8 (Art. 12 Statuto)
LíAssemblea Nazionale
Partecipano all’Assemblea Nazionale, che viene convocata con le modalit‡ e
per i casi previsti dallí art.12 dello Statuto, le componenti del Consiglio
Nazionale, le Past Presidenti Nazionali, le Presidenti di Sezione e le delegate
delle Sezioni ai sensi dell’Art.12 comma 2 dello Statuto, secondo una lista
redatta dalla Segretaria Nazionale che deve tener conto dei dati forniti dalla
Tesoriera Nazionale, in merito alla regolarit‡ dei versamenti effettuati dalle
Sezioni alla Cassa Nazionale entro il 31 gennaio. Ogni Sezione, al fine di assicurare la presenza all’Assemblea Nazionale delle
proprie delegate, puÚ contribuire alle relative spese per un ammontare
determinato con delibera dell’Assemblea di Sezione, da suddividere tra le
delegate; l’Assemblea di Sezione deve essere convocata almeno 30 giorni
prima della data fissata per l’Assemblea Nazionale per il rinnovo delle
cariche sociali. Ciascuna Sezione deve inviare alla Segretaria Nazionale, nei termini stabiliti
dal CPN, l’elenco delle delegate e delle supplenti elette dallíAssemblea, sottoscritto dalla Presidente; in tale elenco devono essere indicati gli estremi
della delibera dell’Assemblea che ha provveduto allíelezione delle delegate e
delle supplenti; in caso di impedimento della Socia delegata, partecipa
all’Assemblea la Socia supplente. Non sono ammesse al voto le Socie che non figurano in tale elenco. In caso di impedimento
* le Componenti di diritto possono delegare un’altra Socia della
Sezione che non puÚ 
cumulare pi˘ deleghe; tali deleghe, a pena di
inammissibilit‡, devono pervenire alla Commissione di verifica dei
poteri, anche a mezzo posta o fax presso la sede congressuale prima
della chiusura della verifica dei poteri, come risultante dalla
convocazione dellíAssemblea; le deleghe devono recare la firma e la
copia di un documento di riconoscimento della Socia delegante. * le Componenti di diritto possono delegare, con le stesse modalit‡, le Socie della propria Sezione, anche se Delegate supplenti purchÈ
queste ultime non svolgano le funzioni di supplenza delle delegate ;
* le delegate delle Componenti di diritto, ai fini dellíesercizio del
voto, devono essere in regola con il pagamento della quota associativa
entro il 31 gennaio, ai sensi dellíart.12 comma 8 dello Statuto . L’Assemblea Nazionale Ë presieduta di diritto dalla Presidente Nazionale la
quale puÚ conferire tale funzione alla Vice Presidente o ad altra componente del
Comitato di Presidenza Nazionale; le funzioni di Segretaria sono svolte dalla
Segretaria Nazionale o da altra componente del Comitato di Presidenza Nazionale
scelta dalla Presidente Nazionale.
La Presidente dell’Assemblea decide i tempi da assegnare ad ogni intervento e
attribuisce ad una delle Socie presenti la funzione di controllare il rispetto dei
tempi assegnati. Possono essere presentati allíapprovazione dellíAssemblea provvedimenti
articolati; possono essere proposti degli emendamenti e/o articoli aggiuntivi, firmati da almeno il 10% delle Componenti dellíAssemblea stessa; gli
emendamenti e/o articoli aggiuntivi, devono pervenire alla Presidente
dell’Assemblea prima dellíapertura dellíAssemblea stessa. La Presidente acquisisce sugli emendamenti e/o articoli aggiuntivi, il parere
scritto e motivato, non vincolante, della Commissione Legislazione. Prima della votazione di ciascun emendamento e/o articolo aggiuntivo, la
Presidente puÚ leggere all’Assemblea il parere motivato espresso dalla
Commissione Legislazione. Gli emendamenti sono votati prima dell’articolo a cui si riferiscono mentre gli
articoli aggiuntivi sono votati dopo; qualora siano stati presentati pi˘
emendamenti ad uno stesso testo, sono posti al voto prima gli emendamenti
soppressivi poi, eventualmente, gli altri. L’Assemblea delibera solo sulle materie indicate nell’ordine del giorno. Ogni Socia puÚ presentare prima dellíinizio dellíAssemblea una mozione per
richiedere l’inserimento di ulteriori argomenti nell’ordine del giorno. Possono essere anche presentate mozioni d’ordine. L’Assemblea approva o respinge la mozione; non potr‡ comunque deliberare
sullíargomento eventualmente inserito nell’ordine del giorno che former‡ oggetto
dellíordine del giorno della prima Assemblea utile. Le disposizioni dei commi precedenti valgono anche per l’Assemblea Distrettuale
e di Sezione.

ART. 9 (Art.12 Statuto)
Le Candidature
Le Socie che intendano candidarsi per le cariche nazionali devono inviare
alle Sezioni esistenti sul territorio nazionale una dichiarazione in cui sia
specificata la carica per la quale intendono candidarsi accompagnata dal
proprio curriculum vitae, stilato sullíapposito modello preparato dalla
Segretaria nazionale; la domanda e il curriculum vitae, debitamente
documentato in relazione ai requisiti richiesti, devono essere inviati, con
lettera raccomandata a/r, alla Presidente Nazionale e alla Responsabile della
Commissione Legislazione, presso líUfficio di Presidenza Nazionale, Via
Piemonte, 32, 00187- Roma. Le Socie che intendono candidarsi devono essere in regola con il pagamento
della quota associativa, non devono avere promosso contenziosi pendenti
avanti allíAutorit‡ Giudiziaria contro la Federazione e non devono avere
avuto sanzioni disciplinari. Ogni Socia puÚ candidarsi ad una sola carica elettiva e a un solo livello o di
Sezione o di Distretto o Nazionale
Analoga procedura deve essere seguita per le candidature alle cariche
distrettuali; in tal caso le dichiarazioni devono essere inviate alle Sezioni del
relativo Distretto. Le Sezioni, previa delibera assembleare, inviano alla Presidente Nazionale ed
alla Responsabile della Commissione Legislazione, al predetto indirizzo, mediante raccomandata con avviso di ricevimento o con PEC, il proprio
consenso ad una candidata per ogni carica nazionale; i termini per tali
adempimenti vengono, di volta in volta, deliberati dal Comitato di Presidenza
Nazionale e comunicati con circolare. La Commissione Legislazione, alla presenza della Presidente Nazionale, controlla la regolarit‡ delle candidature e le relative segnalazioni, sulla base
dei requisiti che devono essere posseduti dalle candidate e della percentuale
di segnalazioni richieste dallo Statuto
La Presidente Nazionale, allíesito del controllo, redige líelenco delle
candidate; la Segretaria Nazionale lo invia alle Sezioni almeno trenta giorni
prima della data fissata per le elezioni.
La Responsabile della Commissione Legislazione conserva la
documentazione relativa alle candidature e la consegna alla Presidente
Nazionale quando le operazioni di voto a livello Distrettuale e Nazionale si
sono concluse.

ART. 10 (Art. 12 Statuto)
Le Elezioni
Le Elezioni Nazionali devono tenersi successivamente a quelle Distrettuali e
di Sezione. La Commissione elettorale Ë formata dalle Componenti della Commissione
Legislazione ed Ë presieduta dalla Responsabile della Commissione stessa; in
caso di impedimento o di candidatura della Responsabile e/o delle
Componenti, la Commissione Ë presieduta da uníaltra componente della
Commissione stessa nominata, al suo interno, dal Consiglio Nazionale
mentre le altre componenti saranno nominate dai rispettivi Consigli
Distrettuali. La Presidente della Commissione elettorale nomina una Segretaria, per le
operazioni di verbalizzazione e almeno due scrutatrici; la Commissione
elettorale si insedia il primo giorno dei lavori del Congresso per procedere
alla verifica dei poteri. La Commissione in base alla lista fornita dalla Segretaria Nazionale:
. a) verifica l’identit‡ delle elettrici di cui allíart.12 dello Statuto, mediante
produzione di idoneo 
documento di riconoscimento;
. b) controlla la validit‡ delle deleghe che devono essere conformi a quanto
previsto dallíart. 8 
commi 4 e 5 del presente Regolamento;
. c) aggiorna la lista delle votanti, divise per Sezione, lista che far‡ parte
integrante del verbale 
delle elezioni;
. d) redige il verbale delle elezioni nell’apposito registro dei verbali tenuto
dalla Segretaria 
Nazionale.
Il giorno delle elezioni per il rinnovo delle cariche sociali, stabilito nella
convocazione dell’Assemblea Nazionale, la Commissione elettorale assume i
pieni poteri, nellíambito delle funzioni elettorali, fino alla proclamazione
delle elette
Tutta la documentazione relativa alle operazioni elettorali deve essere
conservata presso la Sede Nazionale, fino a quando non Ë scaduto il tempo
per la presentazione di eventuali ricorsi elettorali, ai sensi del successivo art. 11 e per tutto il tempo necessario al loro esame.

ART. 11 (Art. 12 Statuto )
Ricorsi elettorali
I ricorsi elettorali possono essere presentati per denunciare motivi di
incompatibilit‡ o di ineleggibilit‡:
. a) motivo di incompatibilit‡ Ë líelezione di una Socia che gi‡ ricopre una
carica elettiva all’interno della Federazione o la carica di Presidente in
altre associazioni aventi finalit‡ simili.
. b) sono motivi di ineleggibilit‡: – la mancanza dei requisiti richiesti per le candidature; – le irregolarit‡ commesse in sede elettorale
– líavere subito sanzioni disciplinari
I ricorsi in materia elettorale devono essere presentati, a pena di decadenza, entro 15 giorni dalla data delle elezioni, mediante raccomandata con avviso
di ricevimento, presso la sede nazionale al Collegio delle Garanti che decide
con delibera, in prima e unica istanza, entro 30 giorni dalla data di ricezione
del ricorso. 
La decisione va comunicata alla Socia ricorrente e agli organi interessati.

ART. 12 (Art. 14 Statuto)
Il Collegio dei Revisori dei Conti Nazionale
Le Componenti del Collegio dei Revisori dei Conti, oltre i requisiti previsti
dallíarticolo 14 dello Statuto, devono avere ricoperto significativi incarichi
nellíAssociazione. 
Assume le funzioni di Coordinatrice la componente che
ha ottenuto pi˘ voti in sede di elezioni. La corrispondenza relativa all’attivit‡ del Collegio va indirizzata alla
Coordinatrice presso líUfficio di Presidenza 
Nazionale, Via Piemonte, 32
in Roma. I doveri del Collegio dei Revisori dei Conti sono:
. a) suggerire condotte da tenere in ordine all’amministrazione del
patrimonio della Federazione;
. b) accertare la regolare tenuta della contabilit‡ della Federazione;
. c) controllare la corrispondenza dei rendiconti e dei bilanci alle
risultanze delle scritture 
contabili ed ai relativi documenti
giustificativi. A tal fine il Collegio deve riunirsi almeno una volta all’anno, prima
dell’approvazione del rendiconto consuntivo della Federazione; il Collegio puÚ
comunque effettuare in qualunque momento atti di ispezione e controllo ivi
compresa la verifica di cassa.
A richiesta del Collegio, la Tesoriera deve mettere a disposizione tutti gli
atti concernenti la contabilit‡ relativa alla gestione della Federazione, atti che
devono essere tenuti presso líufficio di Presidenza Nazionale. Degli accertamenti eseguiti deve farsi menzione nel Registro appositamente
tenuto. Ai sensi dellíart. 14 comma 1 dello Statuto, il Collegio redige una
relazione da allegare al bilancio preventivo e al rendiconto consuntivo, nella
quale deve essere dato atto della regolarit‡ della contabilit‡.
Tale relazione deve essere inviata alle Sezioni insieme al rendiconto
consuntivo e al bilancio preventivo .
Le disposizioni del presente articolo disciplinano anche il Collegio dei
Revisori dei Conti Distrettuale e di Sezione; gli atti concernenti la contabilit‡
Nazionale, del Distretto e della Sezione devono essere tenuti presso le
rispettive sedi.

ART. 13 (Art. 15 Statuto)
Il Collegio delle Garanti e i Ricorsi
Assume le funzioni di Coordinatrice del Collegio la componente che ha
ottenuto pi˘ voti in sede di elezioni; a quest’ultima va indirizzata tutta la
corrispondenza relativa all’attivit‡ del Collegio, che ha sede presso líUfficio
di Presidenza Nazionale, via Piemonte 32, Roma. I ricorsi devono essere sempre inviati allíindirizzo indicato al precedente
comma mediante raccomandata con avviso di ricevimento; ai fini della
tempestivit‡ del ricorso fa fede la data del timbro postale di spedizione. Il Collegio delle Garanti:
 interviene con poteri decisori sulle situazioni di conflitto
 decide le sanzioni disciplinari come da art.33 comma 3 dello Statuto
 esprime parere in ordine a provvedimenti disciplinari come da art. 33, comma 4 dello Statuto
 effettua, in unica istanza, líinterpretazione dello Statuto e del
Regolamento. Procedura avanti il Collegio delle Garanti
La procedura avanti il Collegio delle Garanti Ë instaurata con atto
introduttivo in forma scritta, a pena di inammissibilit‡, che la Socia o gli
organi di Sezione, di Distretto e Nazionale, dovranno far pervenire a mezzo
a/r allíindirizzo dellíUfficio di Presidenza Nazionale della FIDAPA BPW
Italy, via Piemonte 32, 00187 Roma, sede del Collegio stesso. Líatto deve essere inviato, a mezzo a/r, entro 30 giorni dalla data di
verificazione del fatto che vi d‡ luogo. Líatto deve contenere la chiara enunciazione della volont‡ di avviare la
procedura per ottenere la decisione del Collegio delle Garanti, líesposizione
dei fatti, le ritenute violazioni, le domande in relazione alle quali si intende
richiedere la decisione del Collegio e gli eventuali documenti prodotti. Laddove emergano conflitti fra Socie in ordine allíinterpretazione delle
norme statutarie e regolamentari, sar‡ adito il Collegio delle Garanti che si
pronuncer‡ in unica istanza.. Líatto dovr‡ essere sottoscritto dalla parte, con allegata la copia del
documento dí identit‡ e dovr‡ contenere líindirizzo PEC o altro recapito via
fax ovvero email, presso il quale la parte istante intende ricevere le
comunicazioni
Entro 15 giorni dal ricevimento dellíatto che d‡ inizio alla procedura il
Collegio delle Garanti si riunir‡ redigendo apposito verbale nel quale, se
sussiste un controinteressato, disporr‡ la comunicazione, allo stesso, dell’atto
introduttivo con raccomandata a/r attribuendo un termine non inferiore a 30
giorni dal ricevimento della comunicazione per la presentazione delle
controdeduzioni. La procedura non potr‡ avere durata superiore a giorni 60 dalla data di inizio, prorogabile, per gravi motivi, di giorno 30, nei casi in cui vi sia in
controinteressato e sia stata disposta la comunicazione allo stesso dellíatto
introduttivo del procedimento, il termine di durata previsto dal presente
comma decorre dal giorno in cui Ë spirato il termine di presentazione della
controdeduzioni.
I termini stabiliti per e nella procedura sono da considerarsi perentori. La procedura, dovr‡ essere seguita nel rispetto del principio del
contraddittorio con esame delle controdeduzioni, secondo norme imperative
di legge, nelle forme prestabilite nel presente regolamento, e cioË:
. il Collegio assume le decisioni secondo diritto,, norme statutarie e
regolamentari
. nello svolgimento di eventuale attivit‡ istruttoria da parte del Collegio, ma solo in composizione plenaria, potr‡ essere ordinata alle parti o a
terzi líesibizione di atti o documenti;
. le udienze, le convocazioni, gli atti istruttori potranno avvenire solo
avanti il Collegio in composizione plenaria e di detti atti, nessuno
escluso, dovr‡ essere redatto verbale sottoscritto dalla Coordinatrice
anche con firma digitale.
Il Collegio delle Garanti, che si ritiene validamente costituito con la
partecipazione di tutti suoi componenti, decide a maggioranza dei suoi
membri. La decisione dovr‡ essere assunta con la presenza di tutte le componenti del
Collegio e comunicata entro e non oltre 10 giorni dal termine del
procedimento. La decisione Ë redatta per iscritto e deve contenere:
* líindicazione delle Garanti e delle parti;
* líindicazione delle domande proposte dalle parti;
* líesposizione dei motivi della decisione;
* il dispositivo;
* la data, il luogo. La decisione Ë sottoscritta da tutti i membri del Collegio delle Garanti.. Per
ciascuna sottoscrizione devono essere indicati il luogo e la data. La decisione dovr‡ essere pubblicata a mezzo deposito degli atti conservati
presso la sede nazionale del Collegio.

ART. 14 (Art. 16 e 17 Statuto)

I Distretti e gli Organi Distrettuali
I Distretti della FIDAPA-BPW ITALY sono sette:
Distretto Nord Ovest, Distretto Nord Est, Distretto Centro, Distretto Sardegna, Distretto Sud Ovest, Distretto Sud Est, Distretto Sicilia.
. a) La Presidente Distrettuale rappresenta il Distretto, ha la firma sociale, autorizza la Tesoriera per spese fino ad Ä 1.000,00 annui, svolge tutte
le funzioni e i compiti attribuiti dallo Statuto.
. b) Il Comitato di Presidenza Distrettuale, nel perseguimento dei compiti
statutari, Ë responsabile della corretta applicazione dello Statuto nelle
Sezioni di cui coordina l’attivit‡ secondo le direttive Nazionali, realizza
i programmi Distrettuali, stabilisce rapporti di collaborazione con le
pubbliche istituzioni e le altre associazioni sui problemi del territorio. c) La Past Presidente Distrettuale mantiene il titolo per il solo biennio in cui
tale carica viene detenuta. Valgono per le altre cariche distrettuali le disposizioni di cui allíarticolo 5 del
presente Regolamento

ART. 15 (Art. 18 Statuto)

Il Consiglio Distrettuale Ë costituito dal Comitato di Presidenza Distrettuale e
dalle Socie che ricoprono la carica di Presidente di Sezione. Partecipa alle
riunioni del Consiglio la Young eletta in seno allíAssemblea di Distretto.

ART. 1 6 (Art. 19 Statuto)
Le elezioni del Distretto
Le elezioni distrettuali devono tenersi in data successiva a quelle delle
Sezioni del Distretto. La Commissione elettorale Ë nominata dal Comitato di Presidenza
Distrettuale ed Ë composta da due Socie Referenti della Commissione
Legislazione di Sezione, che rappresentano il territorio del Distretto. La Commissione elettorale Ë presieduta dalla Componente della
Commissione Legislazione del Distretto; in caso di impedimento o di
candidatura della Componente, il Consiglio distrettuale nomina un’altra
Presidente, scegliendola fra le Referenti di Sezione della Commissione
Legislazione nell’ambito del Distretto. Valgono le disposizioni di cui all’art. 10 del presente Regolamento

ART. 17 (Art. 21 Statuto)

Organi locali
La Presidente di Sezione rappresenta la Sezione, ha la firma sociale, autorizza la Tesoriera per spese fino ad Ä 500,00 annui, svolge tutte le
funzioni e i compiti attribuiti dallo Statuto. La Past Presidente di Sezione mantiene il titolo per il solo biennio in cui tale
carica viene detenuta. Valgono per le altre cariche di Sezione le previsioni di cui all’art. 5 del
presente Regolamento. Il Consiglio di Sezione Ë costituito dal Comitato di Presidenza di Sezione e
dalle Consigliere di Sezione secondo il seguente rapporto: – 3 fino a 15 socie
– 6 oltre 15 Socie. 
Le delibere del Consiglio di Sezione vanno comunicate alle Socie in
forma scritta.

ART. 18 comma 1 ( Art. 28 Statuto)

LíAssemblea di Sezione
Partecipano all’Assemblea di Sezione tutte le socie regolarmente
iscritte alla Sezione. In caso di impedimento, la Socia puÚ delegare uníaltra Socia della
Sezione che, a sua volta, non puÚ cumulare pi˘ deleghe; tali deleghe, a pena
di inammissibilit‡, devono pervenire alla Presidente di Sezione prima
dell’inizio dell’Assemblea, devono recare la firma e la copia di un documento
di riconoscimento della Socia delegante.
L’Assemblea di Sezione Ë presieduta di diritto dalla Presidente di Sezione la
quale puÚ conferire tale funzione alla Vice Presidente; le funzioni di
Segretaria sono svolte dalla Segretaria della Sezione o da altra componente
del CPS scelta dalla Presidente di Sezione.
La Presidente dell’Assemblea decide i tempi da assegnare ad ogni intervento
e attribuisce ad una delle Socie presenti la funzione di controllare il rispetto
dei tempi assegnati. LíAssemblea elegge la rappresentante del gruppo Young. I Il bilancio preventivo ed il rendiconto consuntivo della Sezione, unitamente alle relazioni della Tesoriera e del Collegio dei Revisori dei
Conti, devono essere inviati alle Socie almeno 10 giorni prima della data
fissata per l’Assemblea; i contenuti devono essere sottoposti all’Assemblea
per líapprovazione. 
Prima dell’inizio dei lavori assembleari viene data lettura del verbale
dell’Assemblea precedente.

ART. 19 comma 1 (Art. 29 Statuto)

Le Candidature per la Sezione
Le Socie che intendono candidarsi alle cariche della Sezione devono
presentare al Comitato di Presidenza di Sezione, per il necessario esame, una
dichiarazione in cui sia specificata la carica per la quale si candidano, accompagnata dal proprio curriculum vitae, debitamente documentato; tale
dichiarazione deve pervenire alla Presidente di Sezione almeno 5 giorni
prima della data fissata per le elezioni . Solo in assenza di candidature presentate entro il suddetto termine sono
ammesse candidature anche in apertura di Assemblea. Anche in tale ipotesi la Socia dovr‡ debitamente documentare il proprio
curriculum vitae. Prima delle operazioni elettorali la Presidente di Sezione presenta le
candidate all’Assemblea dando lettura del curriculum vitae di ognuna.

ART. 20 comma 1 (Art. 29 Statuto )

Le Elezioni della Sezione
Le elezioni della Sezione devono tenersi entro e non oltre il 30 giugno.
La Commissione elettorale Ë nominata dal Comitato di Presidenza di
Sezione; Ë composta, oltre che dalla Presidente di Sezione, da due Socie con i
compiti di cui al successivo quinto comma ed Ë presieduta dalla Referente
della Commissione Legislazione della Sezione, che, in caso di impedimento o
di candidatura, Ë sostituita da uníaltra Socia scelta dal Comitato di
Presidenza di Sezione; la Presidente della Commissione elettorale nomina
due scrutatrici, affidando ad una di esse il compito di Segretaria. A garanzia delle regolarit‡ delle elezioni, líAssembla elettiva Ë presieduta
dalla Presidente Distrettuale o, in caso di assenza o impedimento, da altra
componente del CPD. La Presidente della Commissione elettorale nomina due scrutatrici, affidando
a una di esse il compito di Segretaria. La Commissione elettorale: – procede alla verifica dei poteri: hanno diritto di voto le Socie
che abbiano regolarmente 
effettuato il pagamento della quota
associativa entro il 31 gennaio ; – verifica l’identit‡ delle elettrici; – controlla la validit‡ delle deleghe conferite dalle Socie
impossibilitate a partecipare 
all’Assemblea, ai sensi dell’art.18 secondo
comma del presente Regolamento
– aggiorna la lista delle aventi diritto al voto, lista che far‡ parte
integrante del verbale 
delle elezioni; – redige il verbale delle elezioni, che diventa parte integrante
dell’apposito verbale 
redatto dalla Segretaria di Sezione. 
Il giorno
delle elezioni per il rinnovo delle cariche sociali, stabilito nella
convocazione dell’Assemblea di Sezione, la Commissione elettorale
assume i pieni poteri, nellíambito delle funzioni elettorali, fino alla
proclamazione delle elette
PATRIMONIO AMMINISTRAZIONE E BILANCI (TITOLO V
STATUTO)

ART. 21 (Art. 30 Statuto)

Le quote , i libri sociali e le scritture
Le quote destinate ai Distretti, per lo svolgimento delle attivit‡ attribuite dallo
Statuto e dal presente Regolamento, sono calcolate sull’ammontare dellíintera
quota inviata alla Federazione. Eventuali contributi integrativi, di cui allíart. 30 dello Statuto, possono essere
richiesti sulla base dei seguenti criteri:
 rilevanza del progetto svolto, per diffusione territoriale (nazionale o
internazionale) o per partecipazione documentata da apposita relazione
 rispondenza al tema nazionale e/o internazionale. La quota annuale Ë comprensiva del costo della pubblicazione del Notiziario
FIDAPA. I Comitati di Presidenza Nazionali, Distrettuali e di Sezione, devono tenere i
seguenti registri:
* il Registro cronologico delle Socie, nel quale devono essere indicati, a
cura della Segretaria, i dati anagrafici delle Socie, le date di iscrizione, ed ogni
variazione
* il registro dei verbali nel quale deve essere riportato, in maniera sintetica a
cura della Segretaria, il contenuto delle riunioni del Comitato di Presidenza, del Consiglio e 
dellíAssemblea
* il registro delle entrate e delle uscite
* il registro degli inventari nel quale devono essere annotati, a cura delle
Tesoriere Nazionale, 
Distrettuale e di Sezione, gli eventuali beni mobili
posseduti dalla Federazione, dal Distretto e dalla Sezione. I Comitati di Presidenza Nazionale, Distrettuali e di Sezione devono
conservare in maniera ordinata, per almeno 5 anni, le fatture e la
documentazione contabile; la Tesoriera Ë responsabile della custodia di tale
documentazione. La Segretaria Ë responsabile della custodia della corrispondenza inviata e
ricevuta, nel corso del proprio mandato. Tutti i Comitati di Presidenza uscenti consegneranno ai nuovi, oltre alla
suddetta documentazione, anche copia delle circolari e delle comunicazioni
ufficiali Nazionali, Distrettuali e Internazionali, anche su pen driver o CD, ricevute nel corso del mandato, entro 30 giorni dalla fine del medesimo. La consegna della predetta documentazione ai nuovi Comitati di Presidenza, deve risultare da apposito verbale. Tutti i registri, dietro motivata richiesta, possono essere visionati dalle
Socie; il registro dei verbali, in particolare, costituisce una fonte di giudizio, in
caso di controversie.

ART. 22 (Art. 32 Statuto)

I bilanci
La Tesoriera Nazionale uscente deve consegnare al nuovo Comitato di
Presidenza Nazionale entro il 30 ottobre del nuovo biennio tutta la
documentazione contabile, ivi compreso il rendiconto economico al 30
settembre, accompagnato dalla Relazione dei Revisori dei Conti .
Tutti i pagamenti relativi al secondo anno sociale devono essere effettuati
entro il 30 settembre, salvo casi eccezionali. 
I bilanci e le situazioni patrimoniali devono essere corredati da analitica
scheda espositiva. 
Il rendiconto consuntivo e il bilancio preventivo nazionale devono
pervenire alle Sezioni almeno 30 giorni prima dellíAssemblea convocata per
líapprovazione, corredati dalla relazione della Tesoriera e dei Revisori dei
Conti
Le disposizioni dei commi precedenti si applicano anche ai Distretti e alle
Sezioni.
Sanzioni (TITOLO VI STATUTO)

ART. 23 ( Art. 34 Statuto)
Scioglimento della Sezione
La Sezione Ë sciolta dal Comitato di Presidenza Nazionale, sentito il
Comitato di Presidenza Distrettuale, quando vengono meno i requisiti
richiesti dallo Statuto:
. a) mancato pagamento delle quote associative;
. b) numero delle socie inferiore a 15;
. c) mancanza di qualunque attivit‡;
. d) violazione delle norme dello Statuto e del presente Regolamento poste in
essere nellíanno sociale in corso
. e) mancato rinnovo delle cariche sociali. La Commissaria, di cui allíarticolo 34 dello Statuto, viene scelta tra le Past
Presidenti nazionali per i Distretti o tra le immediate Past Presidenti
distrettuali per le Sezioni . Norma transitoria
Il presente Regolamento entra in vigore il 1 ottobre 2014, fatta eccezione per
la norma relativa allí articolo 15 che entra in vigore dal 1 ottobre 2015;
pertanto le cariche elettive e non andranno a naturale scadenza di mandato; le
incompatibilit‡ legate alla carica di componenti del Collegio delle Garanti
entreranno in vigore per le Garanti in carica dal 1 ottobre 2015.